LIBRO QUARTO
Delle obbligazioni
TITOLO I
Delle obbligazioni in generale
CAPO VII
Di alcune specie di obbligazioni
SEZIONE III
Delle obbligazioni in solido

Art. 1306

Sentenza
TESTO A FRONTE

I. La sentenza pronunziata tra il creditore e uno dei debitori in solido, o tra il debitore e uno dei creditori in solido, non ha effetto contro gli altri debitori o contro gli altri creditori.

II. Gli altri debitori possono opporla al creditore, salvo che sia fondata sopra ragioni personali al condebitore; gli altri creditori possono farla valere contro il debitore, salve le eccezioni personali che questi può opporre a ciascuno di essi.


GIURISPRUDENZA

Arbitrato - Arbitrato rituale - Effetti del Lodo - Condebitori solidali - Applicabilità dell’effetto espansivo della sentenza prevista dall’articolo 1306 c.c..
Anche prima della introduzione dell'art. 824 bis c.p.c. da parte del D.Lgs. n. 40 del 2006, gli effetti tra le parti del lodo arbitrale rituale erano equiparabili a quelli della sentenza. Ne consegue che degli effetti a lui favorevoli del lodo reso tra il creditore ed uno dei condebitori solidali prima dell'entrata in vigore del D.Lgs. n. 40 del 2006 può giovarsi anche l'altro condebitore solidale che non sia stato parte del giudizio arbitrale, applicandosi anche al lodo non impugnabile l'effetto espansivo della sentenza definitiva previsto dall'art. 1306 c.c., comma 2. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata) Cassazione civile, 26 Maggio 2014, n. 11634.