LIBRO QUARTO
Delle obbligazioni
TITOLO II
Dei contratti in generale
CAPO III
Della condizione nel contratto

Art. 1358

Comportamento delle parti nello stato di pendenza
TESTO A FRONTE

I. Colui che si è obbligato o che ha alienato un diritto sotto condizione sospensiva, ovvero lo ha acquistato sotto condizione risolutiva, deve, in pendenza della condizione, comportarsi secondo buona fede per conservare integre le ragioni dell'altra parte.


GIURISPRUDENZA

Responsabilità solidale del committente – Diritto di regresso sottoposto a condicio iuris sospensiva – Sequestro conservativo nei confronti dell’appaltatore prima del pagamento dei lavoratori – Prognosi di avveramento – Ammissibile.
Il diritto di regresso del committente verso l’appaltatore, in relazione a somme che il primo debba corrispondere ai lavoratori impiegati nell’appalto a titolo di responsabilità solidale ex art. 29 D.lgs. 10 settembre 2003, n. 276, è sospensivamente condizionato all’effettivo pagamento nei confronti di questi ultimi. Tuttavia, ammesso che sussista il periculum in mora richiesto dall’art. 671 c.p.c., il committente può ottenere il sequestro conservativo dei beni dell’appaltatore, nei limiti della pretesa fatta valere nei suoi confronti dai lavoratori, anche in via anticipata rispetto all’effettivo pagamento, purché nelle sedi proprie del rito lavoristico non ne contesti la debenza; ciò, sul presupposto che il diritto positivo, contemplando già ipotesi nelle quali un credito di futuro regresso possa essere tutelato anzitempo (fra tutte, l’azione di rilievo del fideiussore prevista dall’art. 1953 c.c.), consente di ritenere integrato il requisito del fumus boni iuris sulla sola base di un rapporto di solidarietà obiettivamente esistente e di un giudizio prognostico sul futuro avveramento della condicio iuris da cui dipende l’esperibilità dell’azione di regresso. (Luca Monosi) (riproduzione riservata) Tribunale Alessandria, 07 Gennaio 2019.


Preliminare di vendita - Erogazione del muto - Condizione posta nell'interesse di entrambe le parti (bilaterale) e condizione mista - Inapplicabilità dell'art. 1359 c.c. - Fondamento.
Ove le parti subordinino gli effetti di un contratto preliminare di compravendita immobiliare alla condizione che il promissario acquirente ottenga da un istituto bancario un mutuo per potere pagare in tutto o in parte il prezzo stabilito, tale condizione è qualificabile come "mista", dipendendo la concessione del mutuo anche dal comportamento del promissario acquirente nell'approntare la pratica. La mancata erogazione del prestito, però, comporta le conseguenze previste in contratto, senza che rilevi, ai sensi dell'art. 1359 c.c., un eventuale comportamento omissivo del promissario acquirente, sia perché questa disposizione è inapplicabile qualora la parte tenuta condizionatamente ad una data prestazione abbia interesse all'avveramento della condizione (cd. condizione bilaterale), sia perché l'omissione di un'attività in tanto può ritenersi contraria a buona fede e costituire fonte di responsabilità, in quanto essa costituisca oggetto di un obbligo giuridico, e la sussistenza di un siffatto obbligo deve escludersi per l'attività di attuazione dell'elemento potestativo in una condizione mista. (massima ufficiale) Cassazione civile, sez. II, 11 Settembre 2018, n. 22046.