LIBRO QUARTO
Delle obbligazioni
TITOLO III
Dei singoli contratti
CAPO VI
Della locazione
SEZIONE I
Disposizioni generali

Art. 1577

Necessità di riparazioni
TESTO A FRONTE

I. Quando la cosa locata abbisogna di riparazioni che non sono a carico del conduttore, questi è tenuto a darne avviso al locatore.

II. Se si tratta di riparazioni urgenti, il conduttore può eseguirle direttamente, salvo rimborso, purché ne dia contemporaneamente avviso al locatore.


GIURISPRUDENZA

Casa familiare – Assegnazione in sede giudiziale ex art. 337-sexies c.c. – Effetti – Utenze domestiche .
Il coniuge assegnatario della casa coniugale subentra in tutti i diritti e doveri correlati al diritto di godimento che gli è stato riconosciuto dal giudice ed ha diritto ad effettuare la voltura a suo nome delle utenze relative all’immobile che saranno, salva diversa determinazione giudiziale, a suo carico e qualora il coniuge estromesso sia l’esclusivo proprietario della casa la ripartizione delle relative spese con il coniuge assegnatario sarà effettuata distinguendo fra spese inerenti la proprietà e spese inerenti il godimento, rientrando fra quelle anche le riparazioni urgenti che si ritenessero necessarie fra cui può ricondursi il ripristino dei cavi dell’energia elettrica; attesa l’identità di ratio esistente fra il caso in questione e quello contemplato dall’art. 1577 c.c., è possibile applicare analogicamente la disciplina in materia di immobili locati, riconoscendo, quindi, all’assegnatario della casa coniugale, così come al conduttore, il pacifico diritto di eseguire e far eseguire direttamente, salvo rimborso, le riparazioni urgenti alla casa coniugale per preservarne la sua propria destinazione d’uso, ossia un habitat funzionale alla crescita dei figli. A tali condizioni, in presenza di espressa previsione normativa, non c’è spazio per l’autorizzazione giudiziale a consentire il compimento di lavori urgenti e indifferibili in assenza del consenso del proprietario, coniuge estromesso dall’assegnazione della casa coniugale, o per un provvedimento che accerti l’obbligo di quest’ultimo di eseguire o far eseguire i lavori di manutenzione necessari, potendosi l’assegnatario della casa coniugale rivolgere direttamente al gestore del servizio elettrico, in quanto posto nella medesima situazione del conduttore e quindi nella completa disponibilità dell’immobile. (Giuseppe Buffone) (riproduzione riservata) Tribunale Catanzaro, 14 Luglio 2014.