Codice Civile


LIBRO QUARTO
Delle obbligazioni
TITOLO III
Dei singoli contratti
CAPO XI
Della mediazione

Art. 1758

Pluralità di mediatori
TESTO A FRONTE

I. Se l'affare è concluso per l'intervento di più mediatori, ciascuno di essi ha diritto a una quota della provvigione.


GIURISPRUDENZA

Provvigione del mediatore immobiliare – Concorrenza sleale tra agenti – Risarcimento del danno.
Qualora una delle parti intermediate segnali al mediatore di aver già ricevuto un'offerta di acquisto attraverso altra agenzia, ma mediatore affermi che quella prima trattativa deve considerarsi oramai chiusa, ben sapendo però che era stata l’altra agenzia, in precedenza, a segnalare per prima l’immobile e, ciò nonostante, sfruttando la conoscenza che l’acquirente aveva dell’immobile, abbia proseguito l’attività di intermediazione e concluso l’affare, di fatto sottraendo il cliente alla concorrente agenzia, ricorre un comportamento che integra gli estremi della concorrenza sleale, ai sensi dell’art. 2598 n. 3 c.c. (negli stessi termini Appello Milano 20 marzo 2013, in www.ilcaso.it).

In detta ipotesi, il danno risarcibile, deve essere determinato nella misura della metà della provvigione versata per la conclusione dell’affare, in quanto nessuna delle due agenzie aveva l’esclusiva sulla vendita e, quindi, entrambe avrebbero potuto concorrere al raggiungimento dell’obiettivo, in tal caso applicandosi il disposto dell’art. 1758 c.c., secondo cui “se l’affare è concluso per l’intervento di più mediatori, ciascuno di essi ha diritto a una quota della provvigione”. Trattandosi di debito di valore, la somma deve essere rivalutata e maggiorata degli interessi legali dalla data del pagamento della provvigione in favore del secondo mediatore intervenuto, fino al saldo. (Francesco Toschi Vespasiani) (riproduzione riservata)
Tribunale Firenze, 17 Dicembre 2019.


Concorrenza sleale - Mediazione - Violazione del principio del neminem laedere - Fattispecie..
Costituisce atto di concorrenza sleale ai sensi dell'articolo 2598 n. 3 c.c., volto a perseguire il proprio esclusivo profitto sottraendo al concorrente il potenziale acquirente, nonché atto contrario al principio del neminem laedere di cui all’art. 2043 c.c., il comportamento dell'agenzia di mediazione che, a fronte della dichiarazione del potenziale acquirente di aver già visionato l'immobile con altra agenzia, dichiari l'irrilevanza di tale circostanza e comunichi, contrariamente al vero, l'esistenza di rapporti di collaborazione tra le agenzie. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Appello Milano, 20 Marzo 2013.