LIBRO PRIMO
Delle persone e della famiglia
TITOLO II
Delle persone giuridiche
CAPO II
Delle associazioni e delle fondazioni

Art. 29

Divieto di nuove operazioni
TESTO A FRONTE

I. Gli amministratori non possono compiere nuove operazioni, appena è stato loro comunicato il provvedimento che dichiara l'estinzione della persona giuridica o il provvedimento con cui l'autorità, a norma di legge, ha ordinato lo scioglimento dell'associazione, o appena è stata adottata dall'assemblea la deliberazione di scioglimento dell'associazione medesima. Qualora trasgrediscano a questo divieto, assumono responsabilità personale e solidale.


GIURISPRUDENZA

Associazioni e fondazioni - Estinzione dell'ente - Divieto di nuove operazioni - Interpretazione - Mera gestione e conservazione del patrimonio - Ammissibilità - Impugnazione del provvedimento che determina l'estinzione dell'ente - Conferimento di mandato al difensore - Ammissibilità.
Il divieto di cui all'art. 29 c.c., secondo il quale gli amministratori di associazioni e fondazioni non possono compiere nuove operazioni appena venga loro comunicata l'estinzione dell'ente, non riguarda le attività volte alla mera gestione e conservazione del patrimonio, per cui, a maggior ragione, tale divieto, non può ricomprendere l'attività che metta in discussione sotto il profilo giuridico la sussistenza dei presupposti che possano legittimare la "soppressione" della persona giuridica.

A ciò si aggiunga che gli amministratori hanno il "potere-dovere di compiere", dopo l'avvenuto scioglimento dell'ente, "gli atti negoziali... necessari al fine di preservare l'integrità patrimoniale" (v. con riferimento alla vicina fattispecie dello scioglimento delle società commerciali, Cass., 5 febbraio 2015, n. 2156) e che, per quanto riguarda il conferimento di procura alle liti, "non rientra nel divieto di nuove operazioni" il conferimento di "un mandato alle liti per la proposizione di un'azione giudiziale volta a incrementare o ripristinare la consistenza patrimoniale dell'ente" (v., sempre con diretto riguardo al fenomeno societario, Cass., 15 marzo 2012, n. 4143). (Franco Benassi) (riproduzione riservata)
Cassazione civile, sez. I, 02 Novembre 2017, n. 26066.