TITOLO VIII
SANZIONI

Capo IV
Partecipazioni

Art. 139

Partecipazioni in banche, in società finanziarie e società di partecipazione finanziaria mista capogruppo e in intermediari finanziari (1) (2)
Testo a fronte
TESTO A FRONTE

1. L'omissione delle domande di autorizzazione previste dall'articolo 19, la violazione degli obblighi di comunicazione previsti dall'articolo 20, comma 2, nonché la violazione delle disposizioni dell'articolo 24, commi 1 e 3, dell'articolo 25, comma 3, sono punite con la sanzione amministrativa pecuniaria da 5.000 a 5 milioni di euro. Se la violazione è commessa da una società o un ente, è applicata la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 30.000 fino al 10 per cento del fatturato (3).

1-bis. Le medesime sanzioni si applicano alla violazione delle norme di cui al comma 1, in quanto richiamate dall'articolo 110 (4).

2. Salvo che il fatto costituisca reato più grave, chiunque nelle domande di autorizzazione previste dall'articolo 19 o nelle comunicazioni previste dall'articolo 20, comma 2, anche in quanto richiamati dall'articolo 110 fornisce false indicazioni è punito con l'arresto fino a tre anni (5).

3. La sanzione amministrativa pecuniaria prevista dal comma 1 e la pena prevista dal comma 2 si applicano per le medesime violazioni in materia di partecipazioni nelle società finanziarie e nelle società di partecipazione finanziaria mista capogruppo (6).

3-bis. Si applica l'articolo 144, comma 9 (7).

________________

(1) Rubrica sostituita dall'articolo 9.46 del D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6, nel testo introdotto dall'articolo 2 del D.Lgs. 6 febbraio 2004, n. 37 e successivamente modificata dall'articolo 2, comma 9, lettera a), del D.Lgs. 4 marzo 2014 n. 53.
(2) Articolo sostituito dall'articolo 64, comma 27, del D.Lgs. 23 luglio 1996, n. 415.
(3) Comma sostituito dall'articolo 9.46 del D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6, nel testo introdotto dall'articolo 2 del D.Lgs. 6 febbraio 2004, n. 37. L'importo della sanzione di cui al presente comma è stato così elevato ai sensi di quanto disposto dall'articolo 39, comma 3, della legge 28 dicembre 2005, n. 262. Successivamente, il presente comma è stato modificato dall'articolo 8, comma 6, del D.Lgs. 13 agosto 2010, n. 141. E da ultimo sostituito dall'articolo 1, comma 49, lettera a), del D.Lgs. 12 maggio 2015, n. 72.
(4) Comma inserito dall'articolo 8, comma 6, del D.Lgs. 13 agosto 2010, n. 141 e successivamente sostituito dall'articolo 1, comma 49, lettera b), del D.Lgs. 12 maggio 2015, n. 72.
(5) Comma modificato dall'articolo 8, comma 7, del D.Lgs. 13 agosto 2010, n. 141.
(6) Comma sostituito dall'articolo 9.46 del D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6, nel testo introdotto dall'articolo 2 del D.Lgs. 6 febbraio 2004, n. 37. Vedi la disciplina transitoria di cui all'articolo 6 del medesimo D.Lgs. 37/2004. Successivamente, il presente comma è stato modificato dall'articolo 2, comma 9, lettera b), del D.Lgs. 4 marzo 2014 n. 53.
(7) Comma aggiunto dall'articolo 1, comma 49, lettera c), del D.Lgs. 12 maggio 2015, n. 72.