Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 14882 - pubb. 29/04/2016

Ripetizione di interessi anatocistici e onere della prova

Tribunale Milano, 18 Aprile 2016. Est. Ferrari.


 



In difetto di prova concreta da parte della Banca della pattuizione di interessi anatocistici, ultralegali, CMS e spese il conto corrente, ove siano applicati detti oneri, va depurato di detti oneri.
In difetto di prova circa la pattuizione di una prassi anatocistica, deve escludersi ogni effetto di tale natura in relazione al rapporto oggetto di causa, senza che in proposito possa assumere rilievo alcuna la Delibera C.I.C.R. del 9.2.2000.
Perchè, infatti, in forza di tale Delibera possa considerarsi legittima la capitalizzazione degli interessi con decorrenza al 30.6.2000, è infatti, necessario dimostrare in primo luogo che una pattuizione in termini di capitalizzazione degli interessi fosse inserita nel contratto di conto corrente e, in secondo luogo, che la banca correttamente si sia adeguata a alla nuova disciplina dettata dal secondo comma dell’art. 120 TUB (nella versione all’epoca vigente), secondo le modalità dettate dall’art. 7 della citata Delibera C.I.C.R. (Marco Campanella) (riproduzione riservata)


Segnalazione dell'Avv. Marco Campanella


Il testo integrale