Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 9080 - pubb. 10/06/2013

Malfunzionamento del POS nel rapporto tra banca e commerciante

ABF Milano, 27 Marzo 2013, n. 1636. Est. Girino.


Contratto di convenzionamento per struttura POS – Malfunzionamento dell’apparecchio – Responsabilità della banca.



Posto che il servizio POS, per quanto attiene al fonitore commerciale che se ne avvale, è interamente gestito e organizzato dalla banca e dal suo provider tecnico, come pure evocato dalla normativa contrattuale che insiste enfaticamente sulla persistente ed esclusiva proprietà dei terminali in capo alla banca e al provider, è evidente che è compito di questi assicurare l’efficienza del servizio. Le disfunzioni del medesimo, perciò, comportano l’obbligo della banca di ristorare il danno emergente là dove il servizio abbia sì espresso la funzionalità sua tipica, ma poi abbia omesso l’ultima e decisiva fase, così come consistente nell’accredito al commerciante delle somme ricevute dagli utilizzatori (1). (Aldo Angelo Dolmetta, Ugo Minneci, Ugo Malvagna) (riproduzione riservata)


Segnalazione del Prof. Aldo Angelo Dolmetta – D&S Studio Legale Associato



Il testo integrale


(1) Nei fatti era accaduto che «nel periodo di chiusura estiva del distributore, dal 12 al 28 agosto 2011 durante il quale il servizio di erogazione carburante venne garantito dal self-service, nessuna delle 423 operazioni di erogazione autorizzate … era stata accreditata sul conto corrente della ricorrente aperto presso la resistente» banca.