Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 19923 - pubb. 09/06/2018

Inapplicabili al cliente le condizioni generali di contratto da lui non sottoscritte e disconosciute

Tribunale Milano, 21 Novembre 2017. Est. Ilaria Gentile.


Contratti telefonici – Condizioni generali del contratto – Redatte separatamente dal testo contrattuale – Assenza di sottoscrizione – Disconoscimento da parte del cliente – Inapplicabilità – Sussiste



La prova che le condizioni generali relative ad un contratto telefonico siano quelle conosciute ed accettate dal cliente spetta a chi intende valersene.

Allorquando un contratto telefonico (regolarmente sottoscritto dalle parti) faccia riferimento a clausole contenute in condizioni generali di contratto (fisicamente separate) non sottoscritte dall’aderente/cliente e questi le disconosca in giudizio, non vi è motivo di ritenere che quest’ultimo abbia conosciuto ed accettato proprio quelle clausole contenute nelle condizioni generali prodotte dalla controparte; posto che manca qualsiasi evidenza che dette condizioni fossero unite fisicamente (e quindi conoscibili al cliente) al contratto sottoscritto dall’aderente.

Conseguentemente devono essere ritenute nulle tutte le conseguenze/valutazioni giuridiche fondate sulle clausole contenute nelle disconosciute condizioni generali di contratto [nella fattispecie, una clausola derogativa della competenza territoriale]. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Segnalazione dell'Avv. Nevio Rissone


Il testo integrale