Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 20757 - pubb. 09/11/2018

Cause riunite o trattate unitariamente: il fallimento di una delle parti non ha effetti interruttivi per le altre

Tribunale Torino, 04 Giugno 2018. Est. Di Capua.


Processo civile – Cause connesse – Riunione dei procedimenti o trattazione unitaria – Fallimento di una delle parti – Interruzione dell’intero processo – Esclusione – Necessità di separazione del processo interrotto dagli altri – Esclusione



Nel caso di trattazione unitaria o di riunione di più procedimenti relativi a cause connesse e scindibili, che comporta di regola un litisconsorzio facoltativo tra le parti dei singoli procedimenti confluiti in un unico processo, l’evento interruttivo relativo a una delle parti di una o più delle cause connesse opera, di regola, solo in riferimento al procedimento (o ai procedimenti) di cui è parte il soggetto colpito dall’evento, nel qual caso non è necessaria o automatica la contestuale separazione del processo interrotto dagli altri riuniti o trattati unitariamente. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


 


TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO

Prima Sezione Civile

*******

Il Giudice

omissis

ORDINANZA

-rilevato che a verbale dell’udienza sopra indicata è comparso unicamente il difensore della parte convenuta opposta, insistendo per:

·         la declaratoria di interruzione del processo nei soli confronti della … S.R.L., dichiarata fallita dal Tribunale di Torino con sentenza n…. e per la prosecuzione del processo nei confronti delle sig.re … e …;

·         per la fissazione dell’udienza di precisazione delle conclusioni e, in subordine, per l’accoglimento delle istanze istruttorie di cui alla memoria ex art. 183, 6° comma n.3) c.p.c. (ammissione CTU contabile);

-ritenuto che, secondo l’orientamento della Cassazione prevalente, meritevole di essere condiviso nel caso di trattazione unitaria o di riunione di più procedimenti relativi a cause connesse e scindibili, che comporta di regola un litisconsorzio facoltativo tra le parti dei singoli procedimenti confluiti in un unico processo, l’evento interruttivo relativo a una delle parti di una o più delle cause connesse opera, di regola, solo in riferimento al procedimento (o ai procedimenti) di cui è parte il soggetto colpito dall’evento, nel qual caso non è necessaria o automatica la contestuale separazione del processo interrotto dagli altri riuniti o trattati unitariamente (cfr. in tal senso: Cass. civile, sez. I, 21/11/2016, n. 23632 in Guida al diritto 2017, 8, 80; Cass. civile, Sezioni Unite, 05/07/2007, n. 15142 in Giust. civ. Mass. 2007, 7-8);

-ritenuto, pertanto, che il sopravvenuto fallimento della predetta società impone la dichiarazione di interruzione del processo limitatamente al rapporto processuale tra la società stessa e l’attuale parte convenuta opposta e la prosecuzione del processo tra le altri parti (cfr. in tal senso anche Tribunale di Torino, Ordinanza 01.03.2016, Giudice dr.ssa MASSINO, in www.exparte creditoris.it);

-ritenuto di dover fissare udienza di precisazione delle conclusioni, alla luce delle condivisibili difese proposte dalla parte convenuta opposta nei propri atti;

P.Q.M.

D I C H I A R A

l’interruzione del processo nei confronti della sola parte attrice opponente società … S.r.l. in liquidazione.

F I S S A

udienza di precisazione delle conclusioni avanti a sé in data mercoledì 09 gennaio 2019 ore 10,10 (nell’ufficio del dott. DI CAPUA n. 41512 - Scala A - piano 4°).

M A N D A

alla Cancelleria di comunicare la presente Ordinanza alle parti.

Torino, lì 04/06/2018

IL GIUDICE

Dott. Edoardo DI CAPUA

Depositata in data 04/06/2018