Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 11652 - pubb. 24/11/2014

La corte d’appello conferma: è inammissibile il concordato che preveda una proposta di transazione fiscale con pagamento del credito IVA in misura inferiore all’importo indicato dall’Agenzia delle Entrate

Appello Bologna, 03 Novembre 2014. Est. Florini.


Transazione fiscale - Proposta di transazione fiscale con pagamento del credito IVA in misura inferiore all’importo indicato dall’Agenzia delle Entrate - Inammisibilità



È inammissibile il concordato preventivo che preveda una proposta di transazione fiscale con pagamento del credito IVA in misura inferiore all’importo indicato dall’Agenzia delle Entrate, anche in pendenza di contestazione della pretesa innanzi al Giudice Tributario; difatti, il credito erariale è autodeterminato, caratterizzato da presunzione di veridicità, munito di autotutela esecutiva e l’impugnazione degli atti dell’Amministrazione Finanziaria non rende l’ammontare della pretesa disponibile, né consente un accordo sulla sua determinazione nell’ambito della procedura concordataria. (Giovanni Fanticini) (riproduzione riservata)


Massimario Ragionato



Segnalazione del Dott. Giovanni Fanticini


Il testo integrale



Massimario ragionato del concordato preventivo:

Pagamento in misura inferiore all'importo indicato dall'Agenzia delle entrate