Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 11935 - pubb. 01/07/2010

.

Tribunale Catanzaro, 14 Luglio 2014. .


Tutela Cautelare ex art. 700 c.p.c. – Residualità – Chiarimenti



Il testo dell’art. 700 c.p.c. con l’espressione ‘fuori dai casi regolati nelle precedenti sessioni di questo capo’ individua quale primo limite da superare per la concessione della tutela cautelare atipica quello della residualità rispetto a tutti i procedimenti cautelari espressamente previsti dal legislatore benché la giurisprudenza normalmente estenda la portata delle clausola di salvezza a tutte le misure cautelari nominate anche non regolate dal Capo II del libro IV del codice; quanto alle posizioni giuridiche soggettive tutelabili, la riserva di residualità con cui apre la disposizione dell’art. 700 c.p.c. preclude l’utilizzabilità dei provvedimenti d’urgenza soltanto quando si voglia per il loro tramite tutelare un diritto da un periculum in mora già contemplato nel prevedere una misura cautelare tipica; il ricorso alla tutela cautelare innominata resta inammissibile allorquando l’istante possa concretamente disporre di un’azione cautelare tipica in grado di raggiungere un equivalente grado di abilità ad assicurare gli effetti della decisione di merito. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)