Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 13115 - pubb. 23/07/2015

Concordato misto, con continuità aziendale e cessione dei beni, e nomina del liquidatore

Tribunale Roma, 22 Aprile 2015. Est. Miccio.


Concordato con continuità aziendale - Previsione di cessione dei beni ai creditori - Applicazione della disciplina del piano concordatario prevalente - Integrazione

Continuità aziendale e cessione dei beni - Concordato misto - Nomina del liquidatore - Necessità



Al concordato cd. misto, che preveda cioè sia la continuità aziendale sia la cessione di determinati beni ai creditori, dovrà essere applicata la disciplina del piano concordatario prevalente, con possibilità di applicazione congiunta delle due discipline ove non incompatibili secondo il criterio della integrazione. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)

La possibilità, data dall'articolo 186 bis L.F., di proporre un concordato che si fondi sulla continuità aziendale in capo alla stessa società proponente è coniugabile con la necessità, posta dall'articolo 182 L.F. per i casi di concordato con cessione dei beni, di nominare un liquidatore. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Il testo integrale