Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 13564 - pubb. 01/07/2010

.

Tribunale Milano, 18 Giugno 2015. .


Fallimento - Domanda di ammissione al passivo - Uso della lingua italiana - Necessità



Alla domanda di ammissione al passivo si applica la norma di diritto interno di cui all'articolo 122, comma 1, c.p.c., secondo la quale "in tutto il processo è prescritto l'uso della lingua italiana"; la previsione contenuta nell'articolo 94 legge fall, secondo cui la domanda di cui all'articolo 93 produce gli effetti della domanda giudiziale per tutto il corso del fallimento, consente, infatti, di affermare che la domanda di ammissione al passivo è un atto processuale avente natura di vera e propria domanda giudiziale introduttiva di un'attività cognitiva idonea a produrre il giudicato formale e sostanziale sui crediti insinuati. (Franco Benassi) (riproduzione riservata)