Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 16134 - pubb. 10/11/2016

Lite temeraria: condotta negligente e assenza di sforzi interpretativi in riferimento alla giurisprudenza

Cassazione civile, sez. V, tributaria, 14 Settembre 2016, n. 18057. Est. Marina Meloni.


Spese giudiziali civili - Responsabilità aggravata - Lite temeraria - Condanna ex art. 96, comma 3, c.p.c. - Presupposti - Condotta negligente e assenza di sforzi interpretativi in riferimento alla giurisprudenza consolidata - Fattispecie



In tema di spese giudiziali, va condannata ai sensi dell'art. 96, comma 3, c.p.c., aggiunto dalla legge n. 69 del 2009, la parte che non abbia adoperato la normale diligenza per acquisire la coscienza dell'infondatezza della propria posizione e comunque abbia agito senza aver compiuto alcun serio sforzo interpretativo, deduttivo, argomentativo, per mettere in discussione con criteri e metodo di scientificità la giurisprudenza consolidata ed avvedersi della totale carenza di fondamento del ricorso. (Nella specie, relativa a giudizio per omesso versamento dell'ICI in riferimento ad un'area destinata dal PRG a verde pubblico, anche attrezzato, in applicazione del suddetto principio, la parte è stata condannata al pagamento, in favore della controparte, delle spese del giudizio di legittimità in misura doppia). (massima ufficiale)


Il testo integrale