Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 16592 - pubb. 25/01/2017

Criteri per l’accertamento dell’usurarietà del tasso di interesse moratorio e suoi effetti

Tribunale Padova, 14 Novembre 2016. Est. Bertola.


Contratti bancari – Mutuo – Usurarietà dei tassi – Tasso di interesse moratorio – Criteri di verifica del superamento del tasso-soglia – Superamento del tasso-soglia – Nullità della clausola relativa agli interessi – Limitatamente ai soli interessi moratori – Sussiste



Per confrontare il tasso di mora, che non viene rilevato dai decreto trimestrali ministeriali, si deve operare un aumento per la mora media rilevata dalla Banca d’Italia, per sopperire a quello che è evidentemente un vuoto, ovvero la mancata rilevazione trimestrale dei tassi medi di mora.
Ciò consente di rendere confrontabile un dato, l’interesse di mora, che in caso contrario si esporrebbe alla facile censura di voler confrontare il tasso di mora medio soglia usura con una cosa diversa, ovvero con il tasso corrispettivo medio soglia usura.
Poiché l’art.1815 c.c. sanziona con la nullità la clausola illegittima, se fossero usurari i soli interessi di mora sarebbero solo questi a dover essere espunti e non certo anche quelli corrispettivi che siano entro la soglia. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Il testo integrale