Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 19717 - pubb. 22/05/2018

Assegnazione della casa familiare trascritta prima del pignoramento e procedura esecutiva con creditore munito di ipoteca iscritta anteriormente

Tribunale Bari, 24 Aprile 2018. Est. De Palma.


Famiglia - Matrimonio - Separazione personale dei coniugi - Assegnazione della casa familiare - Trascrizione del provvedimento di assegnazione - Successiva trascrizione del pignoramento - Anteriore iscrizione di ipoteca - Inopponibilità dell'assegnazione alla procedura

Procedura esecutiva - Opposizione agli atti - Istanza di sospensione -  Definizione della fase sommaria - Ordinanza di accoglimento o di rigetto - Statuizione in ordine alle spese processuali - Necessità - Riesame nell'eventuale giudizio di merito



Il provvedimento di assegnazione della casa familiare trascritto prima del pignoramento non è opponibile alla procedura esecutiva della quale sia parte un creditore munito di ipoteca iscritta anteriormente alla trascrizione del provvedimento di assegnazione della casa (Cass. 7776/2016). (Giuseppe Caramia) (riproduzione riservata)

Il provvedimento di accoglimento o di rigetto che definisce la fase sommaria dell’opposizione (tanto all’esecuzione, quanto agli atti esecutivi), pur se privo di definitività, deve contenere la statuizione relativa alle spese processuali, che può essere riesaminata nell’eventuale giudizio di merito. (Giuseppe Caramia) (riproduzione riservata)


Segnalazione dell'Avv. Alessandro De Felice


Il testo integrale