Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 20856 - pubb. 29/11/2018

Sospensione del decreto ingiuntivo emesso contro i fideiussori su modello ABI: quando la competenza è del tribunale delle imprese

Tribunale Padova, 13 Novembre 2018. Est. Bertola.


Decreto ingiuntivo emesso contro fideiussori – Nullità del contratto conforme a modello ABI – Sussistenza del fumus per la sospensione – Prevalenza del diritto comune come affermato da Corte di Giustizia – Prevalenza del diritto comune su quello interno – Natura di consumatore – Sussistenza – Competenza del tribunale delle imprese – Domanda principale con effetto di giudicato o eccezione con accertamento incidenter tantum – Differenze



Va sospeso il decreto ingiuntivo emesso contro i fideiussori su modello ABI alla luce della decisione emessa dalla Banca d’Italia nel 2005 per nullità dello schema per violazione della normativa anticoncorrenziale.

Laddove tale domanda sia svolta in via principale con accertamento avente effetto di giudicato la competenza appartiene al Tribunale delle Imprese laddove, al contrario, la mera eccezione può essere trattata anche dal giudice adito se diverso dal Tribunale delle imprese.

La qualifica di consumatore va desunta dalla sola qualità personale dell’agente senza che rilevi l’obbligazione garantita come invece affermato dalla giurisprudenza della Cassazione poiché prevale il “diritto oggettivo” per come espresso dalla Corte di Giustizia nella ordinanza 19/05/2015 C-74/1 punto 20 Tarcau; tale qualifica è in ogni caso rilevabile d’ufficio dal giudice venendo in rilievo questioni attinenti la competenza. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Il testo integrale