Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 22369 - pubb. 21/09/2019

Indennizzo da ingiustificato arricchimento per prestazione professionale resa da un privato in favore della P.A.

Cassazione civile, sez. I, 24 Maggio 2019, n. 14329. Est. Laura Scalia.


Prestazione del professionista in favore della PA - Contratto nullo per mancanza di forma scritta - Ingiustificato arricchimento - Valutazione - Criteri



L'indennizzo da ingiustificato arricchimento di cui all'art. 2041 c.c., nell'ipotesi di prestazione professionale resa da un privato in favore della P.A. in base ad un contratto nullo per mancanza di forma scritta, ben può essere quantificato in via equitativa, utilizzando come parametro la tariffa professionale, con esclusione delle voci che determinerebbero il conseguimento di un pieno corrispettivo contrattuale, come le maggiorazioni previste per le particolari modalità o per l'urgenza con cui la prestazione è stata resa, o applicando i minimi tariffari a fronte di un compenso pattuito in misura superiore. (massima ufficiale)


Il testo integrale