Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 24534 - pubb. 20/11/2020

L'indicazione contenuta nell'atto notarile di compravendita che il pagamento del prezzo è avvenuto contestualmente alla firma del presente atto non è coperto da fede privilegiata

Cassazione civile, sez. II, 29 Settembre 2020, n. 20520. Pres. Lombardo. Est. Cosentino.


Atto notarile di compravendita – Indicazione da parte del venditore di avvenuto pagamento del prezzo contestualmente alla firma dell'atto – Natura – Conseguenze sul regime probatorio



L'indicazione del venditore, contenuta nell'atto notarile di compravendita, che il "pagamento del prezzo complessivo è avvenuto contestualmente alla firma del presente atto" non è coperto da fede privilegiata ex art. 2700 c.c., ma ha natura confessoria, con la conseguenza che il quietanziante non è ammesso alla prova contraria per testi o per presunzioni, salvo che dimostri, in applicazione analogica dell'art. 2732 c.c., che il rilascio della quietanza è avvenuto per errore di fatto o per violenza o salvo che se ne deduca la simulazione; quest'ultima nel rapporto tra le parti deve essere provata mediante contro dichiarazione scritta. (massima ufficiale)


Il testo integrale