Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 5700 - pubb. 23/06/2011

Ius variandi e modifica della componente fissa del mutuo a tasso variabile

ABF Napoli, 15 Marzo 2010, n. 122. Est. Guizzi.


Contratto di mutuo – A tasso variabile – Jus variandi ex art. 118 TUB – Per ulteriori variazioni dei tassi – Insussistenza.    

Jus variandi ex art. 118 TUB – Buona fede – Esercizio avulso dal «criterio di ragionevolezza» – Inefficacia.



In caso di mutuo a tasso variabile, non sussiste un potere della banca di modificare in corso di rapporto la componente fissa che concorre, insieme al parametro variabile di riferimento, a determinare la misura complessiva dell’interesse dovuto dal cliente. (Studio legale Dolmetta, Salomone, Schilirò – Aldo Angelo Dolmetta) (riproduzione riservata)

L’esercizio del potere di modifica unilaterale ex art. 118 TUB è soggetto al canone della buona fede oggettiva. In caso di esercizio avulso dal criterio di ragionevolezza, la modifica resta inefficace. (Studio legale Dolmetta, Salomone, Schilirò – Aldo Angelo Dolmetta) (riproduzione riservata)


Per la valutazione di (non) ragionevolezza, l’Arbitro ha considerato «emblematica … la circostanza che la proposta implicasse un incremento della misura dello spread del 625%»; e pure ha riconosciuto peso alla circostanza che il contratto «metteva capo a un’operazione di finanziamento a lunghissimo termine e che il rapporto era agli inizi … sicché l’aumento in misura abnorme dello spread avrebbe trascinato i suoi effetti anche in futuro e dunque avrebbe finito per alterare in maniera non equilibrata il rapporto a vantaggio dell’intermediario». Da notare, altresì, come questa decisione – là dove si fonda sul necessario rispetto della buona fede (cfr. la massima n. 2) – trascura (ovvero considera di secondaria importanza, se non assorbito) il punto della giustificatezza del motivo addotto per la variazione: in effetti, nel contesto della decisione la formula delle «decisioni di politica monetaria e delle conseguenti mutate condizioni di mercato» si trova semplicemente riportata.


Il testo integrale