Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 5738 - pubb. 27/06/2011

Scelta del mezzo di impugnazione e contenuto sostanziale del provvedimento

Tribunale Piacenza, 21 Giugno 2011. Est. Morlini.


Provvedimento giudiziale - Mezzo di impugnazione - Effetto giuridico sostanziale - Rilevanza - Forma esteriore del provvedimento o denominazione data del giudice - Irrilevanza.



Allo scopo di stabilire se un provvedimento abbia carattere di ordinanza o di sentenza, e sia quindi soggetto ai mezzi di impugnazione stabiliti per l’uno o per l’altro provvedimento, non deve aversi riguardo alla forma esteriore od alla denominazione data dal Giudice, ma all’effetto giuridico sostanziale che esso é destinato a produrre, in base al principio della prevalenza della sostanza sulla forma, con la conseguenza che, indipendentemente dalla veste formale utilizzata, si è comunque in presenza di una sentenza quando il Giudice si pronuncia in via definitiva o non definitiva sul merito della controversia, sui presupposti o sulle condizioni processuali ex art. 279 c.p.c.. (Gianluigi Morlini) (riproduzione riservata)


Massimario, art. 339 c.p.c.


Il testo integrale