Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 7947 - pubb. 17/10/2012

Rilievo d’ufficio dell'estinzione per mancato o tardivo deposito della documentazione ipocatastale, conseguenze

Tribunale Vicenza, 11 Maggio 2012. Est. Limitone.


Esecuzione forzata – Omesso o tardivo deposito della documentazione ipocatastale – Termine per il rilievo della decadenza – Prima udienza successiva in cui si procede all’incarico per la stima del bene.

Esecuzione forzata – Omesso o tardivo deposito della documentazione ipocatastale – Opposizione alla esecuzione – Con istanza di estinzione – Provvedimenti.



L’eccezione o il rilievo d’ufficio di estinzione, conseguenti al mancato o tardivo deposito della documentazione ipocatastale, non possono essere né proposta né effettuato ex art. 630 c.p.c. oltre la prima udienza successiva al verificarsi della stessa, vale a dire quella della nomina del ctu per la stima del bene immobile, ex art. 569 c.p.c.. (Giuseppe Limitone) (riproduzione riservata)

Proposta, a seguito del mancato o tardivo deposito della documentazione ipocatastale, con la opposizione all’esecuzione l’istanza di estinzione del processo, il G.E. deve sia emettere i provvedimenti ex artt. 616/624 c.p.c., sia pronunciare sull’estinzione, che è materia comunque regolata dall’art. 630 c.p.c.. (Giuseppe Limitone) (riproduzione riservata)


Massimario, art. 567 c.p.c.

Massimario, art. 569 c.p.c.

Massimario, art. 615 c.p.c.

Massimario, art. 616 c.p.c.

Massimario, art. 624 c.p.c.

Massimario, art. 630 c.p.c.


Il testo integrale