Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 13895 - pubb. 23/12/2015

Casa familiare: in caso di separazione personale o divorzio, è esclusa l’assegnazione di una casa abbandonata anche pochi mesi prima della cessazione della convivenza tra i coniugi

Tribunale Benevento, 16 Dicembre 2015. Est. Galasso.


Separazione personale (o divorzio) – Casa familiare – Assegnazione di casa già abbandonata prima della cessazione della convivenza – Esclusione dell’assegnazione

Separazione personale (o divorzio) – Casa familiare – Casa già abbandonata prima della cessazione della convivenza e restituita al terzo proprietario – Esclusione dell’assegnazione



Per casa familiare, suscettibile di assegnazione ai sensi dell'art. 337 sexies c.c. (e dell'art. 6, co. 6, l. 1°.12.1970, n. 898), deve intendersi soltanto quella abitata dalla famiglia al momento della cessazione della convivenza tra i coniugi: e tale non è quella che, pur abitata per anni, sia stata abbandonata per il trasferimento della famiglia in altra casa, quand'anche la nuova abitazione sia stata occupata, prima della fine della convivenza, per un tempo breve, ma non irrisorio.

L'allontanamento dalla precedente casa familiare comporta, infatti, lo sradicamento dei figli da quell'ambiente di vita, recidendo il collegamento preesistente.

Il ripristino di tale collegamento non può, a maggior ragione, essere stabilito dal Giudice allorquando la casa familiare, oramai abbandonata, appartenga a terzi, i quali abbiano recuperato il godimento del proprio immobile: tali terzi non possono rimanere assoggettati alle mutevoli ed imprevedibili vicende della vita della famiglia che occupava l'abitazione, ed agli altrettanto mutevoli ed imprevedibili provvedimenti che possano adottarsi nei procedimenti relativi alla crisi familiare: il loro diritto, dunque, si riespande in maniera definitiva ed irreversibile. (Luigi Galasso) (riproduzione riservata)


Segnalazione del Dott. Luigi Galasso


Il testo integrale