Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 24272 - pubb. 30/09/2020

Sul valore confessorio della dichiarazione dell'investitore resa su modulo prestampato dalla banca

Cassazione civile, sez. I, 31 Agosto 2020, n. 18122. Pres. Genovese. Est. Amatore.


Intermediazione finanziaria - Dichiarazione dell'investitore resa su modulo prestampato dalla banca - Consapevolezza della rischiosità di un investimento finanziario - Confessione - Esclusione - Ragioni



In tema di intermediazione finanziaria, la dichiarazione resa dal cliente su modulo sottoscritto predisposto dall'intermediario, in ordine alla propria consapevolezza, conseguente alle informazioni ricevute, della rischiosità dell'investimento suggerito dal medesimo intermediario e della inadeguatezza dello stesso rispetto al suo profilo d'investitore, non costituisce dichiarazione confessoria, in quanto è rivolta alla formulazione di un giudizio e non all'affermazione di scienza e verità di un fatto obiettivo. (massima ufficiale)


Il testo integrale