Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 14187 - pubb. 01/07/2010

.

Tribunale Napoli, 08 Gennaio 2016. .


Processo di esecuzione – Controversie in sede di distribuzione – Art. 512 c.p.c. – Diritto processuale – Sussistenza



Con il procedimento instaurato ai sensi dell’art. 512 c.p.c. si controverte del diritto processuale, e non sostanziale, di partecipare alla distribuzione del ricavato e, come questione pregiudiziale di merito, l’esistenza del titolo legittimante l’intervento ovvero l’esistenza, l’ammontare del diritto di credito o la sussistenza di diritti di prelazione. Il giudice dell’esecuzione, nella fase di distribuzione del ricavato, risolve, dunque, le controversie distributive tra i creditori concorrenti o tra creditore e debitore o terzo assoggettato all’espropriazione, circa la sussistenza o l’ammontare di uno o più crediti o circa la sussistenza di diritti di prelazione con effetti limitati al processo esecutivo, cioè soltanto al fine di consentire la soddisfazione del diritto e non anche per accertare se tale soddisfazione è secundum ius. (Luca Caravella) (riproduzione riservata)