Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 24968 - pubb. 09/03/2021

E’ privo di legittimazione il socio accomandatario e liquidatore di società fallita che conferisce mandato al difensore ai fini della costituzione in giudizio della società

Tribunale Forlì, 28 Gennaio 2021. Est. Maria Cecilia Branca.


Società di persone - Fallimento del legale rappresentante e socio illimitatamente responsabile - Esclusione di diritto ex art. 2288 c.c. -  Sussistenza - Legittimazione processuale - Esclusione



E’ privo di legittimazione il socio accomandatario e liquidatore di società fallita che conferisce mandato al difensore ai fini della costituzione in giudizio della società, tenuto conto dell’intervenuto fallimento personale in estensione che lo esclude di diritto dalla società ex art. 2288 c.c.: la decadenza opera d’ufficio, ipso jure, involgendo essa la carica di liquidatore e legale rappresentante della società, in conformità a Cass. 2009/14980 che individua nell’esclusione della qualità di socio e nella perdita del potere di amministrazione e rappresentanza le conseguenze ‘naturali’ del fallimento del socio. (Astorre Mancini) (riproduzione riservata)


Massimario Ragionato



Segnalazione dell'Avv. Astorre Mancini, Studio Legale Tentoni, Mancini & Associati di Rimini

mancini@studiotmr.it  
  

Il testo integrale