Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 4704 - pubb. 24/05/2011

Finanziamento erogato da società del gruppo bancario e legittimazione passiva della banca collocatrice

ABF Napoli, 25 Novembre 2010, n. 1369. Est. Marilena Rispoli Farina.


Prestito erogato da finanziaria di gruppo bancario – Ricorso rivolto anche nei confronti della banca – Eccezione di mancanza di legittimazione passiva della banca – Infondatezza – Ruolo determinante della banca nella collocazione del servizio (sin dalla intestazione della modulistica utilizzata) – Percezione da parte del cliente della banca quale interlocutore naturale nella gestione del rapporto.



Quanto alla legittimazione passiva, vanno tenute in considerazione anche circostanze quali il ruolo determinante svolto dalla banca collocatrice nella gestione di un servizio di pagamento e le altre funzionalità connesse al servizio e prestate dalla stessa, sulla base della documentazione di trasparenza. Né al riguardo va trascurato un criterio empirico, quale è quello della percezione, da parte del cliente, della banca collocatrice quale naturale interlocutore nella gestione del rapporto. (Studio legale Dolmetta, Salomone, Schilirò - Francesca Conte) (riproduzione riservata)


Il fatto
Nel merito, la finanziaria del gruppo aveva adottato delle modalità di calcolo del tasso di interesse non legittime perché maggiore di quello agevolato a cui il cliente aveva diritto in ragione delle sue qualità soggettive.


Il testo integrale