Massimario Ragionato Fallimentare

a cura di Franco Benassi
apri l'articolo del codice

Articolo 161 ∙ (Domanda di concordato)


Deposito dei bilanci
Tutte le MassimeCassazione
Pubblicazione nel registro delle impreseInammissibilitàLegittimazioneDomanda di concordato successiva alla omologa del concordato preventivoAbuso del processoCompetenza per territorioConcordato di gruppoContenuto del pianoUtilità da assicurare a ciascun creditoreTermine per adempimentoSegnalazione al pubblico ministeroRegime transitorioSocietà in accomandita semplice sciolta per mancata ricostituzione della pluralità dei sociDomanda di concordato preventivo proposta in proprio dal socio accomandatario di società in accomandita sempliceElenco dei creditori

Concordato con riserva
Introduzione del procedimento di concordato preventivo
Nomina anticipata del commissario o di un ausiliarioPrecedente presentazione altra istanzaConcordato con riserva e autorizzazione alla conciliazione con Agenzia delle entrateDeposito dei bilanciSottoscrizione del difensoreProroga o abbreviazione del termine per il deposito del piano e della documentazioneSospensione del termine per il deposito del piano e della documentazione (Coronavirus)Concessione di un termine eccedente la previsione della normaSospensione feriale dei terminiDecorrenza e scadenza del termineFideiussione ai promissari acquirenti ex L. 122/2005Divieto di pagamento di attestatore e professionistiPagamenti non autorizzatiDURCConsorzioRicorso per cassazione

Atti di ordinaria e di straordinaria amministrazione
Requisiti
Apertura di procedura di insolvenza secondaria in altro StatoMantenimento delle linee autoliquidantiAtti legalmente compiutiAtti di gestione dell'impresaTrasferimento di beni immobiliDefinizione agevolata di debiti fiscaliOmesso versamento di ritenute e scriminanteAccesso alla cassa integrazioneAttività processuale, legittimazioneProcedura competitivaDomanda giudiziale

Obblighi informativi periodici
Violazione degli obblighi informativi
Coronavirus e obblighi informativiSospensione degli obblighi informativiPerentorietà del termine per adempimento agli obblighi informativiPermanenza degli obblighi informativi durante successivamente alla ammissione alla proceduraInammissibilità e audizione del debitoreAutorizzazione alla definizione di accertamento con adesioneAutorizzazione alla vendita competitiva

Attestazione del professionista
Pubblico ufficiale e iscrizione all'albo
InadempimentoLiquidazione del compenso del professionistaRango privilegiato dei creditiOggetto e contenutoPrevisione di scenari diversi ed alternativiAttestazione condizionataTerzietà del professionsistaMutamento dell'attestatoreResponsabilità penaleValutazione e controllo del giudiceObbligo di disclosurePagamento dilazionato dei creditori privilegiatiUtilità specificamente individuata ed economicamente valutabileFusione societaria

Covid-19 - Coronavirus
Proroga del termine per il deposito di nuovo piano e di nuova proposta
Proroga del termine per l'esecuzione del concordato preventivoProposte concorrenti


Deposito dei bilanci

Concordato preventivo – Bilanci – Redazione – Modalità
Il richiedente l’ammissione al concordato preventivo deve depositare i bilanci relativi agli ultimi tre esercizi e l’elenco nominativo dei creditori con l’indicazione dei rispettivi crediti, documenti, questi, che devono essere redatti secondo struttura e caratteristiche assimilabili a quelle dei bilanci delle società di capitali, in particolare con riferimento all’osservanza dei princìpi generali dettati dagli artt. 2423 e 2423-bis c.c. .

Per le società di persone che svolgono attività commerciale, si tratta dei bilanci e dei conti dei profitti di cui all’art. 2217, comma 2, c.c., redatti secondo i criteri previsti dalla legge per le società per azioni in quanto compatibili, nonché nei rendiconti annuali resi dai soci amministratori ai soci che non partecipano all’amministrazione (art. 2261, comma 2, c.c.) che devono essere redatti nell’osservanza dei principi generali dettati dal codice civile per la redazione del bilancio delle società di capitali. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata) Cassazione civile, sez. I, 16 Maggio 2022, n. 15650.


Concordato preventivo – Con riserva – Deposito dei bilanci – Finalità
Il deposito dei bilanci prescritto dall'art. 161, comma 6, l.f. ha come scopo quello di verificare la sussistenza dei requisiti dimensionali di cui all'art. 1 l.f. per l'accesso alla procedura, non certo quello di dar conto della situazione aggiornata dell'impresa affidato invece alla relazione aggiornata sulla situazione patrimoniale, economica e finanziaria della medesima. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Cassazione civile, sez. I, 23 Febbraio 2022, n. 6054.


Concordato preventivo – Con riserva – Imprenditore persona fisica – Obbligo di deposito dei bilancia – Modalità
In tema di concordato preventivo, anche l'imprenditore persona fisica che presenti la domanda di cui all'art. 161, comma 6, l.fall., deve depositare dinanzi al tribunale documenti contabili relativi agli ultimi tre esercizi da lui redatti secondo struttura e caratteristiche assimilabili a quelle dei bilanci delle società di capitali, in particolare con riferimento all'osservanza dei princìpi generali dettati dagli artt. 2423 e 2423 bis c.c. (massima ufficiale) Cassazione civile, sez. I, 11 Novembre 2021, n. 33594.


Concordato preventivo – Concordato con riserva – Obbligo di deposito degli ultimi tre bilanci – Imprenditore individuale non tenuto alla redazione dei bilanci – Deposito delle scritture contabili e delle dichiarazioni fiscali
L’imprenditore individuale non tenuto alla redazione del bilancio, al fine di soddisfare il requisito di cui all’art. 161, comma 6, legge fall., deve depositare le scritture contabili e le dichiarazioni fiscali in modo da consentire al tribunale la verifica della conformità a detti documenti della situazione patrimoniale elaborata dal ricorrente. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Tribunale Novara, 24 Ottobre 2019.