LIBRO PRIMO
Delle persone e della famiglia
TITOLO VI
Del matrimonio
CAPO V
Dello scioglimento del matrimonio e della separazione dei coniugi

Art. 150

Separazione personale
TESTO A FRONTE

I. È ammessa la separazione personale dei coniugi.

II. La separazione può essere giudiziale o consensuale.

III. Il diritto di chiedere la separazione giudiziale o l'omologazione di quella consensuale spetta esclusivamente ai coniugi.


GIURISPRUDENZA

Separazione personale – Cessione dei beni tra coniugi – Debito del cedente – Atto successivo al sorgere del debito – Mancanza di funzione solutorio-compensativa – Atto a titolo gratuito – Azione revocatoria ordinaria.
Nel caso in cui i coniugi, nell’ambito della separazione personale consensuale, concordino la cessione dei beni dall’uno all’altro coniuge e non sia chiaro che la cessione abbia funzione solutorio-compensativa al fine del mantenimento della parte debole, l’atto si considera a titolo gratuito e come tale è revocabile dai creditori del coniuge cedente con l’azione revocatoria ordinaria. Viceversa, ove si dimostri che l’atto abbia la funzione di integrare o sostituire quanto dovuto al mantenimento del coniuge economicamente debole, ugualmente l’atto è revocabile ove il creditore pregiudicato dimostri la scientia damni del cessionario. La scientia damni è presunta quando il coniuge cedente risulti rivestire cariche sociali in numerose società fallite o in liquidazione e la notizia sia di dominio pubblico. (Paolo Doria) (riproduzione riservata) Tribunale Vicenza, 14 Gennaio 2019.


Separazione con addebito - Cessazione degli effetti per sopravvenuta riconciliazione - Allegazione e prova specifica del ripristino della convivenza - Necessità.
In forza dell'art. 157 c.c., gli effetti della separazione personale, in mancanza di una dichiarazione espressa di riconciliazione, cessano soltanto col fatto della coabitazione, la quale non può, quindi, ritenersi ripristinata per la sola sussistenza di ripetute occasioni di incontri e di frequentazioni tra i coniugi, ove le stesse non depongano per una reale e concreta ripresa delle relazioni materiali e spirituali costituenti manifestazione ed effetto della rinnovata società coniugale. Ne consegue, che passata in giudicato la sentenza di separazione personale con addebito reciproco, il coniuge superstite al fine di far valere diritti successori, è tenuto ad allegare specificamente l'avvenuta cessazione degli effetti della separazione, con correlata caducazione della sentenza a far data dal ripristino della convivenza spirituale e materiale. (massima ufficiale) Cassazione civile, sez. II, 23 Gennaio 2018, n. 1630.